Sanofi
Stampa | Share

Herpes

Definizione

 

L'herpes labiale è un'infezione causata da un virus, chiamato herpes simplex, che compare generalmente sulle labbra.
 
Sintomi
 
Inizialmente, l'herpes labiale si manifesta con un leggero pizzicore e un senso di calore su un punto arrossato del labbro. Nel giro di poche ore, alcune vescicole ripiene di liquido limpido, spesso dolorose, cominciano a svilupparsi nella stessa zona del punto iniziale.
 
 
Meno frequentemente, le vescicole possono formarsi sulle guance o sul palato.
 
 
Una volta terminato il processo infiammatorio, le vescicole si asciugano e formano una crosticina giallastra che scompare nel giro di 7-10 giorni, anche senza alcun trattamento.
 

Cause

 

La comparsa dell'herpes può coincidere con:

  • uno stato di malessere o una febbre 
  • l'inizio delle mestruazioni 
  • uno stress 
  • una intensa esposizione alla luce del sole 
  • il consumo di particolari cibi 

L'infezione  ricompare, purtroppo, con facilità poichè il virus sopravvive all'interno delle cellule e non viene eliminato neppure con l'impiego di farmaci efficaci.
 
L'herpes è contagioso e può diffondersi agli organi genitali o agli occhi. Il pericolo maggiore è la diffusione all'occhio o all'interno della bocca.
 
 

Come comportarsi

 

 

  • Non grattate le vescicole e non toccate gli occhi.
     
  • Lavate spesso le mani con acqua e sapone.
     
  • Se avete già sofferto in passato di questo disturbo, il vostro medico vi avrà probabilmente prescritto una crema specifica, contenente una sostanza antivirale, da applicare sul punto delle labbra in cui si stanno formando le vescicole.
      
  • Se soffrite periodicamente di herpes labiale, proteggete le labbra con un filtro solare ad alto fattore di protezione quando vi esponete al sole intenso, soprattutto sulla neve.
     
  • Evitate il contatto delle vostre labbra con il corpo di altre persone, fino a quando le vescicole non siano completamente scomparse: ricordate che l'herpes labiale è molto contagioso!
     
  • Evitate alimenti troppo caldi o troppo freddi che possono provocare fastidio alle aree lesionate

 

Herpes genitale


 
L'herpes genitale (herpes simplex tipo 2) è una malattia sessualmente trasmessa, il cui contagio si verifica per contatto intimo con lesioni e secrezioni genitali di individui infetti.
Pur essendo meno frequente di quello labiale, si calcola che circa il 30% dei soggetti in età adulta sia venuto a contatto almeno una volta con il virus dell'herpes genitale.
 
Il primo incontro con l'herpes genitale avviene dopo l’inizio dell’attività sessuale, anche se esiste la possibilità, al momento del parto che il neonato venga contagiato dalla madre infetta.
 

Sintomi

 

Sebbene sia possibile che l’infezione primaria passi inosservata, essa dà sintomi importanti molto più frequentemente di quanto accade per l’herpes labiale.
Comparsa di vescicole e ulcere (piccole ferite) dolorose sui genitali e intorno a essi
Altri sintomi di varia natura

  • febbre 
  • dolori muscolari 
  • ingrossamento dei linfonodi inguinali 
  • bruciore a urinare

Nei casi più gravi:

  • mal di testa 
  • vomito

Ciò accade perchè si infiammano le membrane che avvolgono il cervello (meningi).
 

Trasmissione


 
In questi casi la presenza di sintomi rivela la necessità di attuare le misure atte a prevenire la trasmissione del virus, ma va considerata l’evenienza che un individuo, non avendo sintomi né lesioni manifeste, non sappia di essere infetto e possa comunque diffondere il virus durante i rapporti intimi.
 
 
Inoltre, studi recenti hanno dimostrato che la presenza di herpes genitale, che rientra nella categoria della lesioni erpetiche facilita la trasmissione dell’HIV, il virus responsabile dell’AIDS.
Come per tutte le malattie sessualmente trasmissibili, la prevenzione è l’unica arma sicura per evitare il contagio.
 

Dopo l’infezione primaria, l’herpes genitale tende a persistere nell’organismo in assenza di sintomi, salvo riattivarsi a distanza di mesi o anni in occasione di malattie debilitanti o stress psicofisico.
 

  • Nelle forme recidivanti le manifestazioni sono meno intense e di minor durata rispetto all’infezione primaria e il coinvolgimento generale è piuttosto raro. Ulcere genitali dolorose sono spesso annunciate dalla comparsa di bruciore, prurito e arrossamento cutaneo.
     
  • Se viene contratto dalla donna in gravidanza, può provocare aborto e, se al momento del parto sono presenti delle lesioni a livello dei genitali, il neonato può riportare danni gravissimi. Per questo motivo, in questo caso di presenza di herpes genitale, si ricorre al parto mediante taglio cesareo.
    Herpes: diagnosi e cure

 

 

Diagnosi


 
Oltre al riscontro delle lesioni caratteristiche (vescicole e ulcere), può essere d’aiuto la ricerca nel sangue degli anticorpi specifici. La certezza si raggiunge, però, solo con il ritrovamento del virus nel materiale prelevato dalle lesioni.

Viste le complicanze dell’infezione da herpes in gravidanza, è pratica corrente la ricerca degli anticorpi nel sangue della madre.
 
 

Cure


 
Nel sospetto di un’infezione è opportuno consultare il dermatologo o lo specialista in malattie infettive.
 

Buona norma è, comunque, seguire alcuni accorgimenti osservando le reazioni del proprio organismo a particolari situazioni.
Per esempio, evitare l’esposizione a fattori scatenanti noti per esperienza individuale (fumo, sole) aiuta a ridurre la frequenza delle recidive.