Sanofi
Stampa | Share

Rinite

Definizione


 
La rinite è un processo infiammatorio acuto (raffreddore) o cronico che interessa la mucosa delle cavità nasali.
 
1. Le riniti acute sono spesso di origine virale. Il contagio avviene per contatto diretto tra il malato e il soggetto sano per mezzo delle goccioline emesse con starnuti e colpi di tosse e la contagiosità è massima nel primo giorno di malattia.
 
 
2. La rinite cronica è il più delle volte secondaria ad altre patologie delle cavità nasali, come le sinusiti, la deviazione del setto nasale e la presenza di un ingrossamento delle adenoidi. 
 
 

3. La rinite allergica, inizialmente limitata a una serie di episodi acuti, con il tempo può diventare cronica. Viene scatenata dall’esposizione a sostanze cui il soggetto è allergico (allergeni), quali pollini, alimenti (uova, latte, bevande, eccetera) o sostanze presenti nell’ambiente.
 

 
Sintomi

 
Rinite acuta
 
Nel comune raffreddore, dopo 1-3 giorni di incubazione, il paziente avverte una serie di sintomi caratteristici:

  • malessere generale  
  • starnuti 
  • rinorrea (secrezione mucosa dal naso) 
  • ostruzione delle vie aeree nasali 
  • incapacità di percepire gli odori (anosmia)

Le cavità nasali sono piene di secrezioni fluide e trasparenti.
Nei giorni successivi le secrezioni possono divenire purulente, e quindi più dense e maleodoranti, nel caso in cui si sovrapponga un’infezione batterica.

In assenza di complicanze invece il raffreddore comune si risolve spontaneamente nel giro di 4-5 giorni.
Una rinite acuta trascurata può complicarsi con un’infezione dei seni paranasali (sinusite) o con un’infiammazione della laringe (laringite).
 
Rinite cronica
 
Nella rinite cronica la sensazione di ostruzione nasale si avverte continuativamente mentre l’ipersecrezione può essere presente o meno.
La rinite cronica può evolvere in una rinite atrofica. In questo caso, le cellule che producono il muco scompaiono e si assiste alla formazione di croste dall’odore fetido.

Il paziente lamenta:

  • senso di ostruzione nasale continuo 
  • mal di testa 

Rinite allergica
 
La rinite allergica si manifesta con la comparsa di:

  • starnuti 
  • rinorrea acquosa 
  • ostruzione nasale 
  • anosmia (incapacità a percepire gli odori) 
  • prurito intorno al naso e agli occhi 
  • lacrimazione 
  • arrossamento delle congiuntive

 Questi sintomi possono essere stagionali (prediligono la primavera e l’autunno) o verificarsi durante tutto l’anno, a seconda del tipo di allergia.
 
I pazienti allergici ai pollini noteranno l’insorgenza dei sintomi durante la stagione dell’impollinazione degli alberi o delle graminacee della loro zona.
Anche la rinite allergica è soggetta a complicanze quali le sinusiti, le otiti medie, i polipi nasali e l’aggravamento dell’asma bronchiale.
 

 

 

Cause

 
Alcuni fattori predisponenti per la rinite possono essere:

  • Respirare con la bocca anziché con il naso 
  • Lavorare in ambienti polverosi o in presenza di gas irritanti 
  • Clima freddo e umido 
  • Assunzione di alcuni farmaci che possono provocare congestione nasale 
  • L'abuso degli stessi decongestionanti può determinare una reazione eccessiva (effetto rebound) per cui alla vasocostrizione indotta dal farmaco segue una vasodilatazione eccessiva con un peggioramento dell’ostruzione nasale che a lungo andare può diventare cronica